AIAC

Gruppo Regionale Lazio

AIAC Nazionale

L'articolo di Tuttosport sull'impegno di Aiac Onlus con le calciatrici afghane

L'articolo di Tuttosport a firma Brunella Ciullini che racconta la giornata delle calciatrici afghane in visita a Coverciano ed accompagnate dal presidente della nostra Onlus Marello Mancini.

FIRENZE - Il calore di un abbraccio, la condivisione di sogni, speranze e della stessa passione, giocare a calcio. Sapevano tutte che questo incontro avrebbe toccato il loro cuore ma viverlo è stato ancor più forte. Ieri la ct Milena Bertolini e le azzurre che stanno preparando le qualificazioni mondiali contro Moldova e Croazia hanno accolto a Coverciano le tre calciatici e l'allenatore del Bastan Fc, la squadra femminile di Herat che negli ultimi anni ha rappresentato il simbolo dell'emancipazione di tante donne afgane. Fuggite in incognito dal loro Paese tomato sotto il controllo dei talebani, il 4 settembre le tre ragazze dopo un viaggio di24 ~senza dormire sono arrivate con altri profughi a Firenze dove hanno trovato accoglienza e strutture per iniziare una nuova esistenza. L'abbraccio con la Nazionale femminile è uno dei momenti più emozionanti ma non resterà l'unico. «Perché - fa sapere il presidente della Figc Gabriele Gravina - il nostro è un progetto ampio e vuol aiutare queste calciatici a integrarsi nel nostro Paese. Grazie alle Azzurre è nato un bel rapporto di amicizia che muove dalla passione comune per il calcio capace di superare ogni confine». Uno scambio dibattute, un abbraccio e subito si è creato un legame sincero. La CT e capitan Sara Ganza hanno donato alle calciatici di Herat unkit Puma e tre maglie azzurre e dopo l'allenamento tutta la squadra si è stretta attorno per foto ricordo e per ascoltare le loro testimonianze. «Siano molto felici di averle accolte - dice Bertolini - E' stato un momento speciale, mai potremo capire davvero ciò che di tremendo hanno provato ma vogliamo dimostrare vicinanza e affetto, far capire che non sono sole». «Bello incontrarvi e conoscervi - afferma una calciatriceafghana - Tutte noi seguiamo la vostra squadra, specie il capitato Sara Gama, quindi essere qui è una grande emozione». Spiega il tecnico: "Al loro arrivo le ragazze hanno messo tutto dietro le spalle, grazie a chi ha reso possibile questa giornata". Fra i presenti il presidente Aiac Onlus Marcello Mancini, il rappresentante Aic Chiara Marchitelli, il responsabile Caritas Marzio Mori, il mediatore linguistico CaritasTara Shabsiah, gli assistenti sociali Lorenzo Chiari e Irene Caverna, l'assessore comunale al welfare Sara Funaro, il responsabile raccolta fondi COSPE Irene Tognella. Poi la visita al Museo del calcio soffermandosi nella sezione dedicata alla Nazionale femminile e davanti al Coppa Euro 2020 vinta dagli azzurri. La Figc si occuperà di fornire alle giocatrici di Herat materiale sportivo, aiutarle nello studio dell'italiano e prepararle al tesseramento per una squadra femminile del nostro Paese avviando col Comune di Firenze un vero progetto accoglienza.



(Foto: il corriere.it)

  • immagine